Select Page

PORTE PORTALI DEMONI LEONI

PORTE PORTALI DEMONI LEONI

Porte degli Inferi Circolo dei Tignosi Blog

Porte Portali Demoni Leoni

6 Marzo 2015 Il Ministero iracheno del Turismo e delle Antichità ha denunciato la pressoché completa distruzione del sito archeologico di Nimrud per mano dei miliziani dello Stato Islamico. L’antica città eraritenuta un simbolo pagano e per questo distrutta.

7 Marzo 2015 Dopo Nimrud e Mosul, i bulldozer dell’ Isis si sono impietosamente abbattuti sul suggestivo sito archeologico di Hatra.

La città di Nimrud era l’antica capitale dell’impero assiro, prima di Ninive. È stata rasa al suolo, pare, con l’ausilio di bulldozer.
Il nome assiro era Kalhu e Calah come è citata nella Genesi, si affacciava sulla riva est del Tigri a 31 km a sud di Mosul. I reperti più antichi ritrovati nel sito di Nimrud risalgono al III millennio a.C., ma la storia ufficiale ci racconta che era stata fondata da Shalmaneser I d’Assiria nel 1250 a.C. circa. L’antica cinta muraria circonda un terreno di 2 km quadrati entro il quale sorgeva la cittadella alla quale si accedeva tramite cinque porte.
Le antiche rovine furono portate alla luce dall’archeologo Austen Henry Layard tra il 1845 e il 1851 e che in principio riteneva fossero i resti dell’antica Ninive. Tra i reperti ritrovati, l’Obelisco Nero e i lamassus alati che sono oggi conservati al British Museum di Londra.
All’interno della cinta muraria sono stati individuati il palazzo di Assurnasirpal II, il Palazzo Samanasar III e di Tiglatpileser III. Le pareti in pietra delle stanze di questi palazzi erano ricoperti da bassorilievi raffiguranti enormi tori e leoni alati con testa umana. Era presente anche una ziggurat (tempio caratteristico delle religioni di quest’area) dedicata alle divinità Ninurta (dio contadino e guaritore), Enlil (creatore del cosmo) e Nabu (dio della scrittura).
La facciata sud della cinta muraria aveva due porte fiancheggiate da lamassus o shedu e aladlammû (=spirito protettore) con il volto umano; si riferiscono ad una divinità protettrice di sesso femminile.
Il lamassu è un essere Tetramorfo (dal greco antico τετρα, tetra, “quattro”, e μορφή, morfé, “forma”) da Corpo di Toro, Zampe di Leone, Ali d’Aquila, Volto Umano.
Durante l’impero assiro i lamassus monumentali erano sempre posti a guardia degli accessi dei palazzi reali perché si riteneva che impedissero l’ingresso degli spiriti maligni o del Male in generale. (figure apotropaiche). Scomparsa la civiltà babilonese e assira, le religioni posteriori ne fecero la rappresentazione di spiriti maligni.
La distruzione di questa città è molto simbolica perché rappresenta, come tutte le culture mesopotamiche, la civiltà del Dio Immanente, prima dell’avvento della dittatura della religione monoteista del Dio Trascendente. Allo stesso tempo, la distruzione dei lamassus apre la porta al Male che dominerà la Terra.

Informazioni sull'Autore

Circolo dei Tignosi

Grafico Pubblicitario con l’hobby della scrittura e l’attitudine alla provocazione. Non ha potuto fare nella vita ciò che voleva, si sfoga con il web. Attivista, creatrice e sostenitrice di Movimento Alieno perché … non si sa mai. Il Circolo dei Tignosi è il Blog dove contano le domande perché è nelle domande che si trovano le risposte.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su Facebook

Ultimi Tweets

Newsletter

Partners

Etruscan Corner il Portale delle Eccellenze dell'Etruria   Wobba-Jack Tattoo and Art Visita il Sito

Categorie

Archivi

Iscriviti all NostraNewsletter

Iscriviti all NostraNewsletter

Ricevi una notifica alla pubblicazione di un nuovo articolo.

Iscrizione Confermata!