Nuovo Made in Italy Droga Prostituzione Contrabbando

Il Nuovo Made in Italy: Droga, Prostituzione, Contrabbando

Genio e follia hanno qualcosa in comune: entrambi vivono in un mondo diverso da quello che esiste per gli altri. Arthur Schopenhauer

Un vero genio è colui che trova soluzioni a problemi che sembrano impossibili da risolvere.
Nel giorno dell’annuncio che nel conteggio del PIL (Prodotto Interno Lordo), che dovrebbe aiutarci a rientrare nei parametri imposti dall’Europa, faranno parte attività come Droga, Prostituzione e Contrabbando, le donne dei Clan mafiosi manifestano contro la riduzione dei loro stipendi.
Mogli, sorelle, figlie e madri di delinquenti in carcere lamentano che i soldi che il boss di turno elargisce per il loro sostentamento sono notevolmente ridotti.
Il Governo Ricalcola il PIL
Ma queste signore lo sanno che se le attività da cui dipendono i loro introiti rientreranno nel PIL, ci dovranno pagare le tasse? Infatti, con l’ufficializzazione che Droga, Prostituzione e Contrabbando sono attività del Made in Italy a tutti gli effetti, ci aspettiamo che vengano tassate come qualsiasi altro lavoro, proprio come gli artigiani, i liberi professionisti, i muratori, gli operai.

Un applauso al Governo!

E con l’ingresso di tali attività nel Made in Italy, aumenterà anche l’export italiano?
Ma torniamo alla manifestazione delle Casalinghe disperate.

Sembra che esista una sorta di Cassa di Mutuo Soccorso per garantire alle famiglie dei mafiosi detenuti il sostentamento, visto che il capofamiglia si trova impossibilitato a lavorare per cause di forza maggiore (il Gabbio).

Pare che oggi le cosche stiano vivendo una crisi di liquidità: sono aumentati gli arresti e di conseguenza sono aumentati i detenuti assistiti. Da qui, possiamo dedurre che anche ai delinquenti gli affari non vadano poi così bene.

Per far rientrare le loro attività nel conteggio del PIL dovremo diminuire gli arresti?
Perché se aumentano i delinquenti in giro, aumentano i loro affari; se aumentano i loro affari aumenta il PIL dell’Italia.
Saranno tassate queste attività che valgono miliardi di euro? Se possiamo conteggiarne il valore in euro siamo in grado anche di stabilire la quota tassabile, o no?

Che il Governo abbia in mente di rendere la Droga, la Prostituzione e il Contrabbando LAVORO LEGALE a tutti gli effetti?
Del resto, la prostituzione è il mestiere più antico del mondo.
Possiamo affermare che Cetto Laqualunque – Antonio Albanese era stato preveggente;

Cchiù PILu pe’ tutti … e cemento armato!