Select Page

LE MONTAGNE DELLA FOLLIA

Le Montagne della Follia

(At the Mountains of Madness, 1931) – H. P. Lovecraft

Le Montagne della Follia è un romanzo che fa parte dei Miti di Cthulhu, il ciclo letterario che si riferisce alla parte più importante della produzione di Lovecraft (1890-1937), di autori suoi contemporanei e amici e dei suoi molti esegeti.
In questo lungo racconto Lovecraft ci conduce in Antartide.

Le sue descrizioni sono affascinanti come interessante è l’incipit dove il narratore chiede che nessuno vada più nel freddo continente per effettuare ricerche scientifiche.

Le sue motivazioni sono legate a ciò che la spedizione incontrò durante l’esplorazione di alcune caverne; noi riteniamo, invece, che data l’ influenza dei Poli sul clima planetario, l’Artide e l’Antartide devono essere liberati da ogni attività umana.

Le Montagne della Follia Lovecraft Circolo dei Tignosi

AT THE MOUNTAINS OF MADNESS – H. P. LOVECRAFT

Le Montagne della Follia

Sono costretto a parlare perché gli uomini di scienza hanno deciso di ignorare i miei avvertimenti senza approfondirne le ragioni. Contro la mia volontà, dunque, esporrò i motivi per i quali mi oppongo alla prevista invasione dell’antartico, e in particolare alla ricerca di fossili su larga scala, alla fusione delle antiche calotte polari e all’interruzione della sterminata monotonia di quelle regioni.

La mia riluttanza è acuita dalla consapevolezza che, con tutta probabilità, i miei avvertimenti cadranno nel vuoto. […] dovrò affidarmi al giudizio e alla buona fede dei pochi scienziati che, da una parte, siano dotati di sufficiente libertà di pensiero per esaminare i miei dati in base alla loro orribile evidenza o alla luce di certi antichi e misteriosi cicli mitici; e che, dall’altra, abbiano sufficiente influenza per impedire che il mondo della scienza si lanci in avventati programmi d’esplorazione tra le montagne della follia.

[…] avremmo agito soprattutto fra le montagne e l’altipiano a sud del mare di Ross, regioni esplorate in varia misura da Shackleton, Amundsen, Scott e Byrd.

[…] Inoltre volevamo prelevare una buona varietà di rocce fossilifere superiori, perché la storia delle forme di vita primitive di quel desolato reame di morte e ghiacci è molto importante per la conoscenza del passato della terra. Che il continente antartico sia stato un tempo zona temperata o addirittura tropicale e brulicante di vita, è cosa risaputa; oggi le tracce di quel passato si scorgono nei licheni, nella fauna marina, negli aracnidi e nei pinguini dell’estremità settentrionale, che ne sono i superstiti. […]

Come riferito dai giornali, partimmo dal porto di Boston il 2 settembre 1930, seguendo una rotta abbastanza comoda lungo la costa e attraverso il canale di Panama; ci fermammo a Samoa e ad Hobart, in Tasmania, dove facemmo gli ultimi rifornimenti. […]

A circa 62° di latitudine sud avvistammo i primi iceberg, sorta di tavoloni con i lati verticali, e già prima di raggiungere il circolo antartico, che attraversammo il 20 ottobre con uno strano e appropriato cerimoniale, fummo impensieriti da una serie di banchi di ghiaccio. […]

Spingendoci attraverso il ghiaccio, che per fortuna non era né troppo esteso né troppo spesso, tornammo nel mare aperto a 67° di latitudine sud e 175° di longitudine est. La mattina del 26 ottobre una vivida “folgore di terra” apparve a sud, e prima di mezzogiorno provammo tutti un brivido di eccitazione alla vista di un’immensa, torreggiante catena di montagne incappucciate di neve che dominavano il panorama e impedivano di vedere oltre. Avevamo finalmente incontrato un avamposto del grande continente sconosciuto e del suo ambiente misterioso, serrato nel gelo della morte. Le montagne erano senz’altro la catena dell’Ammiragliato scoperta da Ross, e ora il nostro compito sarebbe consistito nel doppiare capo Adare e proseguire lungo la costa orientale della Terra di Victoria, fino al sito che avevamo scelto come base sulla riva dello stretto di McMurdo, ai piedi del vulcano Erebus (latitudine sud 77° 9′).

 

PAESAGGI IMPRESSIONANTI

 

L’ultimo tratto del viaggio fu impressionante ed eccitò la nostra fantasia: grandi vette nude e misteriose torreggiavano a ovest, mentre il basso sole di mezzogiorno e quello che splendeva a mezzanotte, ancor più a filo dell’orizzonte, riversava i suoi raggi velati e rossastri sulla neve bianca, sul ghiaccio azzurro, nei canali d’acqua libera e sui frammenti di granito nero e nudo. Fra le vette desolate soffiava a folate intermittenti il terribile vento antartico, e a volte le sue cadenze ricordavano una selvaggia musica per flauti con una traccia di quasi-coscienza; le note avevano una gamma piuttosto ampia, e per qualche ragione che solo il mio inconscio conosce mi parvero inquietanti, addirittura tremende. Nel paesaggio c’era qualcosa che ricordava gli straordinari e angoscianti dipinti asiatici di Nikolaj Roerich […]

Il sette novembre, perduta temporaneamente la vista della catena occidentale, superammo l’isola di Franklin e il giorno dopo individuammo i coni dei vulcani Erebo e Terror sull’isola di Ross che si trovava davanti a noi, mentre al di là si estendeva la lunga linea dei monti Parry. Ad est torreggiava la linea bassa e bianca della grande barriera di ghiaccio, che s’innalzava perpendicolarmente a un’altezza di circa settanta metri come la scogliera rocciosa di Quebec, segnando il limite della navigazione verso sud. Nel pomeriggio entrammo nello stretto di McMurdo e ci tenemmo al largo della costa, al riparo del fumante monte Erebus. La vetta del vulcano, costituita di scorie, torreggiava nel cielo orientale per circa tremilacinquecento metri, come una stampa giapponese del sacro Fujiyama, e al di là di essa svettava bianco come un fantasma il monte Terror, oltre tremila metri, ormai estinto come vulcano. Dall’Erebus arrivavano a intervalli sbuffi di fumo, e uno dei nostri assistenti, un brillante laureato che si chiamava Danforth, indicò quella che sembrava lava sul fianco innevato; osservò quindi che il vulcano, scoperto nel 1840, aveva indubbiamente ispirato E. A. Poe quando, sette anni dopo, avrebbe scritto nel suo unico romanzo, l’inquietante ed enigmatico Arthur Gordon Pym – che si svolge appunto al polo sud.

Le Montagne della Follia - Antartide Mare di Weddell

Antartide Mare di Weddell
Le Montagne della Follia

Le Montagne della Follia

AT THE MOUNTAINS OF MADNESS – H. P. LOVECRAFT

Le Montagne della Follia

Sulla riva desolata e l’alta barriera di ghiacci che dominava lo sfondo, miriadi di grotteschi pinguini emettevano il loro tipico verso e agitavano le pinne, mentre in acqua si vedevano grasse foche nuotare o adagiarsi sui pezzi di ghiaccio galleggiante a riposare.

[…]il volo mozzafiato e senza soste che il nostro squadrone intraprese il 21 novembre sull’immenso altipiano, fra le creste che si alzavano a occidente e il silenzio insondabile che avvolgeva il ronzio dei motori. Il vento ci infastidì solo moderatamente e le bussole radio ci aiutarono a superare la spessa nebbia della regione. Quando l’immensa elevazione si parò davanti a noi, fra gli 83 e 84° di latitudine, capimmo di aver raggiunto Beardmore, il più grande ghiacciaio a valle del mondo, e che il mare gelato cedeva il passo a una linea costiera frastagliata e montagnosa. Finalmente ci addentravamo nel mondo dell’estremo sud, bianco e morto da epoche incalcolabili: e nel renderci conto di questo fatto scorgemmo in lontananza, a oriente, la cima del monte Nansen che supera i cinquemila metri.

[…] Come i giornali hanno riferito, era uno dei numerosi voli d’osservazione in cui cercavamo di distinguere nuove caratteristiche topografiche sfuggite ai precedenti esploratori. Le prime ricognizioni furono deludenti sotto quest’aspetto, anche se ci diedero la possibilità di osservare i fantastici e ingannevoli miraggi delle regioni polari, di cui nel viaggio per mare avevamo avuto solo qualche breve assaggio. Montagne lontane volavano nel cielo come città incantate e spesso il mondo bianco si dissolveva in una terra di sogni d’oro, argento e scarlatto degna di un Dunsany, pregna di avventurosa trepidazione sotto la magia del sole di mezzanotte.

Nei giorni nuvolosi volare era difficile, perché la terra innevata e il cielo si fondevano in un sol vuoto opalescente e ultraterreno, senza orizzonte visibile a separarli.

 

Le Montagne della Follia - Macquarie Island

Macquarie Island / Instagram
Le Montagne della Follia

Informazioni sull'Autore

Circolo dei Tignosi

Grafico Pubblicitario con l’hobby della scrittura e l’attitudine alla provocazione. Non ha potuto fare nella vita ciò che voleva, si sfoga con il web. Attivista, creatrice e sostenitrice di Movimento Alieno perché … non si sa mai. Il Circolo dei Tignosi è il Blog dove contano le domande perché è nelle domande che si trovano le risposte.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su Facebook

Ultimi Tweets

Newsletter

Partners

Etruscan Corner il Portale delle Eccellenze dell'Etruria   Wobba-Jack Tattoo and Art Visita il Sito

Categorie

Archivi

Iscriviti all NostraNewsletter

Iscriviti all NostraNewsletter

Ricevi una notifica alla pubblicazione di un nuovo articolo.

Iscrizione Confermata!