Select Page

LA TRUFFA DEL MALE

La Truffa del Male. Circolo dei Tignosi Blog

La Truffa del Male

La banalità del male (Eichmann in Jerusalem: A Report on the Banality of Evil – 1961) è un saggio di Hannah Arendt e riporta il resoconto delle sedute del processo ad Adolf Eichmann.
Il titolo di questo saggio è stato poi riciclato e affibbiato di volta in volta a diversi casi di cronaca, più o meno efferati.
Aver utilizzato questa etichetta per casi i più disparati, che nulla hanno a che fare con i fatti di cui parlava la signora Arendt, ha prodotto una sorta di assuefazione al male.

Considerare ogni volta il male banale ci porta a considerare atti e azioni crudeli come se fossero ordinari, comuni, normali. Invece il Male non è mai banale, anzi, è e deve essere considerato ECCEZIONALE. E lo deve essere, altrimenti nessuno di noi si impressiona più e accetta azioni crudeli e malvagie come atti abituali.
Una volta per impressionarci bastava che ci raccontassero che negli angoli scuri si nascondeva l’Uomo Nero e bastava solo la nostra immaginazione a contenere la nostra esuberanza.

Poi, nel tempo, abbiamo avuto bisogno di emozioni sempre più forti, che ci dessero quella scarica di adrenalina affinchè ci sentissimo vivi. Magari aiutati dalle droghe, quelle “furbe”, le smart drugs di antica memoria che stimolano il rilascio di ormoni.

Niente può battere il brivido e l’eccitazione che si prova quando ci si trova faccia a faccia con situazioni stressanti e pericolose e l’adrenalina è proprio ciò che causa l’eccitazione. L’adrenalina, nota pure come l’ormone del “combatti o fuggi”, è responsabile dell’incremento della frequenza cardiaca, della dilatazione dei vasi sanguigni e dell’aumento dei livelli di glucosio, è quello che ci dà la temporanea sensazione di euforia. 

Succede che una mattina due ragazzi uscissero di casa e cominciassero a vagare per le strade della Capitale a caccia, alla ricerca di una preda umana da seviziare e uccidere solo per provare “l’effetto che fa”.

E non basta immaginare i mostri: li vogliono vedere veramente. Quei mostri che sono nascosti negli angoli più scuri delle loro menti e che è urgente far uscire fuori e vederli in faccia, sempre che ce l’abbiano una faccia. Piuttosto un grugno, una bruttezza che neanche la più fervida immaginazione riesce a concepire. Vederli, toccarli, torturarli. Musi che si sovrappongono a visi angelici, puliti, innocenti. E ucciderli, conficcando nel loro cuore una lama argentata proprio come ci raccontano si uccidevano i vampiri.

Anche stavolta non basta l’immaginazione. Ci vogliono le droghe, consumate in quantità industriali, per riuscire ad aprire le porte verso mondi relegati da sempre nella sfera dell’inconscio. E non bastano le droghe, bisogna aggiungerle all’alcol e agli psicofarmaci per vedere fino a che punto possiamo spingere il nostro corpo. Se il fisico regge la mente gli va dietro e lo sorpassa e gli fa compiere gesti che, se fossimo nel Medioevo, si potrebbero associare alla Possessione Satanica.

Il tempo si dilata e i due ragazzi non sanno più se è notte o se è giorno ma sanno che adesso sono chiusi in una casa dove c’è una terza persona. Anzi no, non è una persona, non è un essere umano, non è un ventenne con tutta una vita dentro di sé. È una cosa animata su cui sperimentare la cosiddetta banalità del male.
Al risveglio l’incubo si rivela una spaventosa realtà: ci sono due ragazzi, uno dei quali definito dal proprio padre

un modello di ragazzo dall’intelligenza brillante,

due universitari fuori corso figli di papà, perditempo e debosciati. È la banalità della normalità. Ma a terra c’è un giovane coperto di sangue, ucciso, con ferite da tortura.

Il viaggio nella Terra dei Mostri è apparentemente terminato.

Informazioni sull'Autore

Circolo dei Tignosi

Grafico Pubblicitario con l’hobby della scrittura e l’attitudine alla provocazione. Non ha potuto fare nella vita ciò che voleva, si sfoga con il web. Attivista, creatrice e sostenitrice di Movimento Alieno perché … non si sa mai. Il Circolo dei Tignosi è il Blog dove contano le domande perché è nelle domande che si trovano le risposte.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su Facebook

Ultimi Tweets

Newsletter

Partners

Etruscan Corner il Portale delle Eccellenze dell'Etruria   Wobba-Jack Tattoo and Art Visita il Sito

Categorie

Archivi

Iscriviti all NostraNewsletter

Iscriviti all NostraNewsletter

Ricevi una notifica alla pubblicazione di un nuovo articolo.

Iscrizione Confermata!