Gerarchia Aristocratica Circolo dei Tignosi Blog

 

Gerarchia Aristocratica

Succede che un plebeo, un certo Walter Palmer, dentista del Minnesota, depresso esponente della peggiore feccia americana, decide di uccidere un Re. Non si tratta di un Re qualunque, di quelli passati alla storia come tiranni: è un Re che non fa guerre, non affama il popolo, non chiede tasse.
Mentre il piccolo idiota dentista del Minnesota è un delinquente con la tuta mimetica sotto al camice bianco che “colleziona” trofei. Alla sua collezione manca la testa del Re. Ma non è un re qualsiasi, si tratta di Cecil, il magnifico leone dalla criniera nera il cui regno si trova nella Riserva dei leoni dello Zimbabwe.
Per portare a termine la sua missione ha bisogno di un complice. Lo trova e gli consegna 50.000 dollari per attirare il Re fuori della Riserva. Perché è convinto che se lo uccide fuori dalla Riserva non sia un crimine.
Non descriviamo la dinamica del regicidio, dettagli che potrete trovare in ogni articolo sul web; quello che ci interessa è il gesto che, secondo noi, non ha nessun significato e nessuna giustificazione.
Il gesto di un povero idiota che forte dei suoi soldi è convinto di andare in giro per il mondo a praticare quello che viene considerato uno sport. Ma la caccia è uno sport? È un animalicidio che non serve a nessuno, non è una gara alla pari. Ad ogni modo, questo dentista è un criminale e ci si domanda come possa liberamente circolare.

Come se non bastasse, il povero idiota dentista del Minnesota pubblica su Facebook le sue foto davanti al cadavere del Re prima di decapitarlo. La testa coronata sarà impagliata e appiccicata su una tavola di legno massello che poi appenderà nel suo studio. Il cattivo gusto non ha limiti e la foto accanto al Re appena ucciso è pari alle foto che i militari americani si fanno accanto ai cadaveri o accanto ai prigionieri torturati a Guantanamo.
Se il povero dentista del Minnesota, da bambino, si fosse trovato in difficoltà sareste  accorsi in suo aiuto? Se sapessimo che degli innocenti bambini, crescendo, diventano delle teste di cazzo, probabilmente li lasceremmo al loro destino. Ma non possiamo saperlo. Quindi il buon senso ci fa correre in soccorso di ogni piccola creatura. Ma nel caso del povero dentista del Minnesota, forse sarebbe stato meglio se moriva da piccolo. Ci saremmo risparmiati questa vicenda disgustosa che niente ha a che vedere con l’umanità ossia quell’insieme dei caratteri essenziali e distintivi della specie umana, tra cui la pietà e il mutuo soccorso.
Adesso il povero idiota dentista del Minnesota è ricercato dalla polizia e rischia 15 anni di galera. Oramai il danno è fatto e la galera non riporterà in vita il magnifico Re.

La migliore punizione per un idiota dentista del Minnesota sarebbe quella di perdere tutti i suoi clienti, di non aver più soldi con i quali corrompere altri idioti come lui che lo aiutano ad aggiungere trofei alla sua inutile collezione. Tutto quello che possiamo fare è auguragli una vita infame, trascorsa a nascondersi da cacciatori di esseri spregevoli che vogliono la sua testa. Testa che poi impaglieranno e aggiungeranno alla loro collezione di trofei. Nella sezione Teste di Cazzo.

Succede che due persone  sposate litighino. Lui è il conte Fabrizio Ferrari Sardagna von Neuburg und Hohenstein, lei la principessa Sofia Borghese. Lancio di piatti (d’oro!) e accoltellamenti.
A proposito, se una principessa sposa un conte viene “degradata” a contessa?
Il conte accusa la moglie di non fare la moglie. La principessa fugge con il miglior amico del marito, tale Francesco Piscicelli, imprenditore noto per le sue grasse risate alla notizia del terremoto de L’Aquila che per lui aveva solo un significato: tanti soldi per la ricostruzione che sarebbero finiti nelle sue tasche.

Insomma, tutte personcine per bene, ammodo, educate, magari anche moraliste e bigotte. Si arriva addirittura al lancio di una bottiglia molotov contro lo yacht dell’imprenditore ladro anche di mogli, sul quale la principessa e il suo nuovo compagno stavano trascorrendo le vacanze. Ma questo Piscicelli è ancora in giro?
Ancora possiede uno yacht dove trascorre spensierate vacanze? Ma dove la tiene, se ce l’ha, una coscienza?
Se anche lui, come l’idiota dentista del Minnesota, da bambino avesse avuto bisogno di aiuto sareste stati pronti a soccorrerlo? Anche a lui auguriamo di trascorrere una vita infame, impiegato a nascondersi da cacciatori che vogliono la sua testa … Il conte Fabrizio Ferrari Sardagna von Neuburg und Hohenstein sembra che sia uno di questi. Uno che vuole aggiungere la testa impagliata del ladro di mogli alla sua galleria di trofei. Nella sezione Traditori (della Patria).