Select Page

DIO ASTRONAUTA O DJ?

DIO ASTRONAUTA O DJ?

Dio Astronauta o DJ?

dio-astronauta-o-dj-circolo-dei-tignosi-blog

In Bolivia, a  circa 4000 metri sul livello del mare, si trovano i resti di un’antichissima città: Tiwanaku. Considerato il più antico sito archeologico del mondo, datato 17.000 anni prima di Cristo, ha in sé un mistero. Le strutture monumentali costruite con blocchi enormi di diorite e granito combaciano perfettamente tra loro tanto che tra le fessure non ci si può infilare nemmeno la lama di un coltello. I sostenitori della teoria degli Antichi Astronauti sostengono che non è opera dell’uomo, tantomeno di civiltà dell’età della pietra.
Nel 1969 Erick Von Daniken pubblica un libro clamoroso che mette in discussione le teorie degli Archeologi. Nel suo libro sostiene che molti monumenti come le Piramidi d’Egitto, le Piramidi Maya, le linee di Nazca sono opera di alieni venuti sulla terra migliaia di anni fa per insegnare all’uomo primitivo tecniche avanzate di costruzione e i primi rudimenti di una civiltà la cui evoluzione impiegherà secoli, fino ad arrivare a quella che conosciamo oggi. Strani manufatti sono stati ritrovati dagli archeologi: batterie elettriche vecchie di migliaia d’anni, sculture che raffigurano quelli che somigliano agli odierni astronauti, monili d’oro che ricordano la forma dello Shuttle. La stessa Bibbia riporta testimonianze di incontri ravvicinati con strani esseri volanti identificati come Dio. Ezechiele (Ezechiele 10,9-14) descrive un Carro di Fuoco che arriva dal cielo e

cherubini con ruote, una ruota al fianco di ciascun cherubino. Quelle ruote avevano l’aspetto del topazio. Sembrava che tutte e quattro fossero di una medesima forma, come se una ruota fosse in mezzo all’altra. Muovendosi, potevano andare nelle quattro direzioni senza voltarsi, perché si muovevano verso il lato dove era rivolta la testa, senza voltarsi durante il movimento.
Tutto il loro corpo, il dorso, le mani, le ali e le ruote erano pieni di occhi tutt’intorno; ognuno dei quattro aveva la propria ruota.

Elia venne addirittura rapito e portato in cielo con «un carro di fuoco e cavalli di fuoco» (Libro dei re 2, 11).

Molti studiosi non concordano minimamente con le teorie di Von Daniken. Anzi, affermano con convinzione che tutte le grandi opere presenti sul pianeta sono opera umana e che pur non conoscendo la scrittura, come nel caso degli antichi abitanti di Tiwanaku, sono stati in grado di costruire moduli di diorite dal peso di 800 tonnellate, inciderli con precisione millimetrica e sovrapporli per edificare tempi e altari sacri.

Invece la civiltà umana, di cui parlano questi studiosi, oggi riesce a costruire autostrade e viadotti di altissima ingegneria, impiegandoci in alcuni casi anche trent’anni (gli egiziani hanno impiegato meno a costruire le Piramidi) che dureranno nei secoli dei secoli. Amen.

Questi sapientoni dovrebbero farsi una passeggiata in Sicilia e visitare quello che diventerà un altro sito archeologico d’Italia: il viadotto di Scorciavacche costato 13 milioni di euro, iniziato nel 2009 e inaugurato a Natale del 2014. Crollato dopo dieci giorni. Quindi, nel terzo millennio Dio non è più un antico astronauta, piuttosto sembra diventato un DJ.

 

Informazioni sull'Autore

Circolo dei Tignosi

Grafico Pubblicitario con l’hobby della scrittura e l’attitudine alla provocazione. Non ha potuto fare nella vita ciò che voleva, si sfoga con il web. Attivista, creatrice e sostenitrice di Movimento Alieno perché … non si sa mai. Il Circolo dei Tignosi è il Blog dove contano le domande perché è nelle domande che si trovano le risposte.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su Facebook

Ultimi Tweets

Newsletter

Partners

Etruscan Corner il Portale delle Eccellenze dell'Etruria   Wobba-Jack Tattoo and Art Visita il Sito

Categorie

Archivi

Iscriviti all NostraNewsletter

Iscriviti all NostraNewsletter

Ricevi una notifica alla pubblicazione di un nuovo articolo.

Iscrizione Confermata!