Circolo-dei Tignosi Blog Bambino Bellissimo

Bambino Bellissimo

Il vero problema dei figli sono i genitori.
Genitori troppo accondiscendenti o troppo severi, genitori con complessi di colpa, genitori ansiosi, genitori mitomani, genitori crudeli, genitori assassini. E la colpa dei genitori ricade sempre sui figli.

C’è una signora che chiede un atto di umanità nei confronti di un’altra signorina che ha deciso di punire i suoi ex fidanzati gettando loro in faccia un secchiello di acido.
La signorina, insieme al suo fidanzato, sono stati condannati per lesioni gravissime, aggravate da crudeltà, da motivi abietti e da premeditazione. Perché, dettaglio da non trascurare, la signorina in questione era accompagnata dal suo fidanzato nel compimento del gesto insano.
Una donna che ha questo concetto di Valore della Vita può sentirsi devastata da una scelta altrettanto disumana? No, la signorina in questione non ha nessun diritto di reclamare un gesto di umanità. E noi dovremmo commuoverci?
Atto crudele, dolore mostruoso, come mostruoso è sicuramente il calvario a cui si dovrà sottoporre il ragazzo sfigurato dal desiderio di insana vendetta di quella signorina che chiede, oggi, di vedere suo figlio. Impossibile. Non si può pensare che un bambino cresca con genitori di questo genere le cui azioni e i cui esempi possono corrompere in maniera indelebile la crescita del frutto del loro insano amore.
Quindi non ci commuoviamo se la signorina si sente distrutta dal fatto che le sia stato tolto il figlio. Lei e il suo fidanzato pompato cosa hanno tolto alle loro vittime? Vittime che sarebbero aumentate come ha dichiarato il loro complice:

i due se non fossero stati arrestati, avrebbe colpito di nuovo.

 A questo punto, neanche i nonni dovrebbero intervenire nell’adozione del bambino, dal momento che i loro figli hanno fatto ciò che hanno fatto. Senza andare a fare analisi psicologiche di disagi infantili, conflitti con i genitori etc, teniamoci terra-terra: la signorina, quando ha gettato l’acido contro la sua vittima era già incinta. Quindi cosa credeva di fare? Di purificarsi in nome di un amore che voleva solo distruggere il suo passato per farla rinascere a nuova vita? Poteva affrancarsi dal passato che non le piaceva scegliendo un modo meno cruento anche per rispetto della vita che stava crescendo dentro di lei.

E tutto questo tam tam mediatico dovrebbe commuoverci? Chiedetelo al ragazzo sfigurato dall’acido cosa ne pensa. Eppoi, in Italia si tolgono i figli ai genitori anche per molto meno.
Ci sono due genitori a cui sono stati tolti i figli perché sono troppo poveri per mantenerli e invece di andare ad indagare sulla capacità di questi genitori di crescere i propri figli, soprattutto amarli e proteggerli, ed aiutarli economicamente, si preferisce lasciare loro in mezzo alla strada e mettere i figli in un istituto che si arricchirà. Sì, perché si preferisce finanziare gli istituti piuttosto che aiutare economicamente le famiglie.
Possiamo mettere in dubbio le capacità genitoriali di due persone il cui unico difetto è quello di non corrispondere ai canoni della famiglia da Mulino Bianco? Fare il genitore non significa solo poter mantenere i propri figli, comprando cose e stare lì ad esaudire tutti i loro desideri. Fare il genitore è molto più complicato e l’amore per i figli non si misura con la capacità del portafoglio.

Quindi, cara signorina, come può ben vedere, ci sono situazioni ben più disumane della sua che è stata condannata a rimanere in galera per aver sfigurato un suo coetaneo con l’acido. Perché questo fatto noi ce lo stiamo dimenticando: un giovane è stato distrutto nel fisico e nello spirito da una matta che ha deciso di punirlo. Possiamo affidare ad una persona così un bambino? Perché dovremmo?
Ogni genitore ama i propri  figli e vuole il meglio per la loro serenità. Ma chi ci dice che questa signorina non possa, un giorno, punire suo figlio come ha fatto con i suoi ex?

La coppia è accusata, in un altro filone dell’inchiesta, di aver tentato di gettare dell’acido sul volto di un altro ragazzo in via Nino Bixio. Il fatto è avvenuto il 15 novembre scorso. Infine, la studentessa è accusata di aver tentato di evirare un suo compagno di università, con cui si era appartato in auto.

Quindi non crediamo che la signorina abbia il diritto di rivendicare alcunché. Tantomeno fare appello all’umanità del prossimo. Anche il PM che è andato a far visita al bambino con un dono se lo poteva risparmiare … Vede dott. Marcello Musso, i bambini quando sono piccoli sono tutti bellissimi.

È quando crescono che diventano brutti e in alcuni casi anche molto cattivi.